Io accetto totalmente l'essere umano, così com'è, perchè solo in questo modo si può trasformare.
Certo, io ti accetto così come sei, ma il mio accettarti non significa che devi rimanere come sei: la mia accettazione significa che comunque tu sia, io ti rispetto, ti amo....

Io sto tentando un metodo totalmente diverso. Ti accetto così come sei, ma questo non significa che voglio che tu rimanga come sei. Ti amo come sei, ma ti amo perchè in te hai un enorme potenziale, una possibilità infinita di crescita: basta solo un piccolo sforzo, e puoi diventare luce per te stesso. (Osho)

martedì 6 dicembre 2011

IMPARATE A RELAZIONARVI OPPURE STATE ZITTI!

Ci vuole davvero così poco?

Per farci sentire inadeguate, incomprese, fragili, addirittura ciniche e prive di emozioni…..Bastano 4 parole ben assestate, del maschio di turno, e BAM!!! Eccolo lì lo stato d’animo di inadeguatezza ed eccoci qui: piccole, in un angolo, quasi pronte a chiedere ancora una volta scusa…


Ma io dico : NO GRAZIE!!! Ma come vi permettete!!??

Con quale coraggio potete ragionare in termini di colpe e responsabilità?

Le relazioni iniziano per un motivo e finiscono per una serie di motivi, e sicuramente le responsabilità vanno equamente divise a metà.

Certo ognuno ha il suo modo di metabolizzare la cosa. E se lui è sensibile ed emotivamente fragile e noi siamo ciniche e razionali, questo non deve farci sentire in alcun modo inadeguate o insensibili, anzi….

Le persone sono diverse e le persone crescono, e in entrambi i casi ci si dovrebbe sempre mettere in discussione, partendo prima da sé stessi ma non dimenticando le proprie ragioni e le proprie motivazioni.

Ed eccoli qui i maschi sensibili, sempre pronti a puntare il dito e dire: tu sei cinica, riesci a razionalizzare le emozioni, a tagliare il filo, zac, senza ripensamenti, senza doverci ragionare troppo.

La risposta è SI.

Quando chiudo una relazione per me la relazione è chiusa. Punto e a capo.

Non mi ci vogliono anni per metabolizzare, non mi ci vogliono eternità per capire dove ho sbagliato e perché. Non mi ci vuole un era glaciale per rendermi conto di quello che voglio e che non voglio nella mia vita. Le cose che non funzionano, semplicemente non funzionano. Invertendo l’ordine degli addendi il risultato non cambia e nemmeno la relazione.

Quindi francamente ne ho le scatole piene di sentirmi dire che sono cinica. Perché sarà certamente vero e sarà anche vero che sono razionale e che per me è tutta una questione di : far quadrare le cose.

Ma è pure vero che quando ho bisogno di un abbraccio, voi non siete qui pronti a darmelo, quando ho bisogno di conforto, voi non siete qui pronti ad ascoltare e confortare, quando ho bisogno di un consiglio e di una scrollata voi non siete qui a dirmi cosa è giusto o sbagliato…. VOI NON CI SIETE!

Ci sono io. Sempre e comunque. Per me stessa. Forte, invincibile, determinata e capace di andare avanti senza voltarmi indietro. Quindi per piacere, risparmiatemi la paternale !!

Queste siamo noi donne, quelle che trasportano i pesi della vita, del lavoro, delle relazioni, e che hanno imparato ad autoconsolarsi perché nessuno è stato così forte da resistere nel tempo al nostro fianco. Nessuno è stato capace di lottare per noi e di lottare per un amore pronunciato ma evidentemente dichiarato a voce troppo bassa per essere credibile…


E voglio aggiungere un’altra cosa che ritengo importante.

IMPARATE A RELAZIONARVI! Imparate a condividere le vostre emozioni! Non è un plotone di esecuzione, cazzarola!!! E’ una persona quella che avete davanti, una persona in grado di ascoltare, capire e magari dispensare consigli. Quindi smettiamola per cortesia di fare le vittime e iniziamo ad agire, l’amore si FA non si dice, non si chiede, non si elemosina. L’amore FA e l’amore si FA…tutto il resto sono solo seghe mentali e giustificazioni!

3 commenti:

tiziano ha detto...

Ciao Roberta tu sei forte determinata e schietta, purtroppo ai trovato qualcuno che non era proprio il massimo, se tu ti guardi un po attorno sono sicuro che troverai la persona giusta, ai carratere forte ma penso che ai anche tanta dolcezza,
buona serata

Roberta ha detto...

Grazie Tiziano...è così...ed è così per tante persone. E' vero le mie storie sul blog parlano anche di me, ma parlano soprattutto di tante donne e uomini, dell'esperienza di tutti...un abbraccio

Mathilda Stillday ha detto...

Leggendo il tuo post mi son fatta l'idea che tu sia forte e giovane. Ho avuto la sensazione di leggere me stessa diversi anni fa.
Con gli anni ho imparato che se volevo qualcuno a fianco in grado di abbracciarmi, di esserci, di comprendermi, dovevo smettere di 'bastare a me stessa' e concedere a chi avevo di fronte di stare al mio fianco e non un passo indietro.

Gli uomini poi non sono 'programmati' per condividere le loro emozioni. Son diversi da noi e capire alcuni meccanismi sulle differenze di comunicazione tra i sessi, aiuta a capirsi e a non avere delusioni gratuite. Loro hanno bisogno della caverna. ;oD